Annunci GRATIS per tutti su Japigia.com
Home Page Cerca nel Sito Contatta lo Staff Gli Artisti Chi è Japigia.com Questo Portale
Home » Francesco Scaramuzza  
Gli Artisti
·
»
»
»
»
»
»


Conosci il Salento


SalentoAziende


Biografia di Francesco Scaramuzza

Note Biografiche

Paolo e Francesca uno dei 243 disegni della Divina Commedia

L'artista si accostò fin da giovinetto alla Divina Commedia. Affascinato dalla drammaticità appassionata dell'Inferno, dalla malinconia elegiaca del Purgatorio e dal commosso e contemplativo lirismo del Paradiso; ed esaltato  dalla sublime potenza di fantasia con cui Dante ha dato consistenza oggettiva alla sua partecipazione alla vita, in tutti i suoi aspetti e significati, per quasi mezzo secolo egli fece della Divina Commedia  un oggetto di studio e di meditazione.

La sua prima esperienza dantesca risale al 1836, allorché partecipò all'esposizione milanese, nel Palazzo Brera, con La morte del Conte Ugolino. L'olio dello Scaramuzza, purtroppo andato perduto, suscitò particolare interesse, accese vivaci discussioni e meritò larga ammirazione da parte del pubblico.

Farinata degli uberti uno dei 243 disegni della Divina CommediaIncoraggiato dal successo, egli accarezzò l'idea di illustrare tutta la Divina Commedia e si mise subito a schizzare i cartoni. In un momento di furore creativo e di esaltazione per il mondo dantesco chiese al barone Vincenzo Mistrali, allora ministro ducale delle finanze, di poter istoriare i vasti corridoi del palazzo universitario con soggetti danteschi. Il ministro, che era un suo sincero ammiratore, dopo aver visto alcuni bozzetti a penna della Divina Commedia  rispose di non poter aderire. Il pittore si rivolse allora al bibliotecario Angelo Pezzana, il quale si adoperò per ottenere il permesso di far affrescare una sala della biblioteca (oggi conosciuta come Sala Dante).
Nel 1838, dopo una scrupolosa preparazione, diede inizio al lavoro dell'illustrazione della Divina Commedia che subì un'interruzione un anno dopo a causa della prematura morte della giovane moglie Virginia Mognaschi dalla quale aveva avuto quattro figli: Elisa, Emilia, Adele e Silvio.

Affresco di Dante  nella biblioteca Palatina di ParmaLuigi Carlo Farini, che era capo del governo ducale di Parma, desiderando onorare degnamente nell'Emilia il sesto centenario della nascita di Dante, affidò allo Scaramazza il compito di portare a termine i disegni danteschi per allestire una nuova edizione della Divina Commedia. Nell'anno centenario 1865 lo Scaramuzza però non era riuscito a terminare l'immensa opera, conseguentemente, a  Firenze furono esposti solo i 73 cartoni terminati che raffiguravano dell'Inferno.

L'opera completa costituita da 243 disegni (73 per i 34 canti dell'Inferno, 120 per i 33 canti del purgatorio, 50 per i 33 canti del Paradiso) venne terminata nel 1876.

Per ulteriori informazioni visitate il Sito web del Comune di Sissa all'indirizzo: http://www.comune.sissa.pr.it/

Testi e foto gentilmente concessi dall'Ufficio Turismo del Comune di Sissa (PR)

Ultimo aggiornamento: 07/11/2003 (14:03)

Letture collegate

Altro su questo portale:

Francesco Scaramuzza: Mostra: Francesco Scaramuzza tra realtÓ e visioni.

Sgarbi: F. Scaramuzza: Un saggio di V. Sgarbi su F. Scaramuzza.

Da leggere:
»
»
»
»


Versione StampabileVersione stampabile


Segnala la pagina

segnalaciSegnala questa pagina ad un tuo amico usando il nostro "Dillo alla Rete"!


Concorso Ultima cena

Su questo Portale
»
»


Cerca nel Sito


Japigia.com


Home Cerca nel sito Contatta lo Staff
Annunci GRATIS per tutti su Japigia.com
ArteSalento.it è un'iniziativa Japigia.com!
Per informazioni e contatti: info@artesalento.it
Informazioni sulla Privacy e cookie
Vietata la riproduzione, anche parziale,
dei contenuti del sito Informazioni sul Copyright.
Copyright by Japigia.com 2003/2014.
Partita I.V.A 03471380752 - R.E.A. CCIAA Le/224124
*** Questo Sito Web NON utilizza Cookie ***